05.02.2018

Preparazione alla battaglia. Il Laboratorio di Ortika

Preparazione alla battaglia. Il Laboratorio di Ortika
condotto da Alice Conti

3 incontri: 
domenica 11 febbraio dalle 14 alle 18
sabato 17 febbraio dalle 14,30 alle 18
domenica 18 febbraio dalle 14,30 alle 18




Vogliamo provare a interrogare una piccola comunità sul significato di “rivoluzione”.

Crediamo e cerchiamo di realizzare la possibilità che il teatro, come strumento di visione e reinterpretazione della realtà sia una forma, una minuscola forma di rivoluzione. Cerchiamo una rivoluzione del senso, pratichiamo nella nostra ricerca teatrale e drammaturgica un girare intorno all'oggetto d'indagine per cambiare il nostro punto di vista su di esso e rovesciarne il senso consueto. Un esercizio antropologico di spostamento dello sguardo che s'impone di “rendere quotidiano ciò che è esotico ed esotico ciò che è quotidiano”, per spostare anche fisicamente il senso di ciò che si considera “normale”.

A PARTIRE DA SUGGESTIONI FISICHE vorremmo sperimentare e far sperimentare a chi parteciperà al laboratorio delle piccole “rivoluzioni” alla ricerca della costruzione del proprio personale concetto.

Lavoreremo secondo il processo creativo del gruppo ORTIKA, formulando un'indagine sull'oggetto a partire dalla raccolta di materiale documentario e alla ricerca di una sua possibile riscrittura. Il lavoro sarà condotto da Alice Conti nella forma di un gioco teatrale a partire dal corpo, dalla relazione con altri corpi e con lo spazio. 

Vorremmo inoltre suggerire alcuni compiti che facilitino la raccolta di materiali proposti dai partecipanti (un breve racconto autobiografico, una foto, una canzone, un articolo di giornale che devono essere legati in qualche modo anche molto personale al concetto di rivoluzione) da utilizzare durante i giorni di laboratorio.

ARRIVEREMO A COSTRUIRE UNA SCENA COLLETTIVA, a guardarla da un punto di vista inconsueto e poi a farla crollare.

Sguardo, decostruzione, crollo, spostamento, rimpasto. Rinascita.

Divideremo i partecipanti in coppie di lavoro e proveremo a costruire e poi a de-costruire un ordine.

Rivoluzione in astronomia definisce il moto di un corpo celeste in movimento intorno a un'altro corpo, di un corpo intorno al suo asse, o intorno al suo centro gravitazionale. 

Attraverseremo fisicamente queste declinazioni del concetto e proveremo a trovare nell'altro questo centro gravitazionale, a costruire un ordine condiviso, un codice di movimento basato sull'interdipendenza. Poi proveremo a scardinarlo.

Rivoluzione è anche l'imporsi o l'emergere di un nuovo ordinamento dello spirito basata sul crollo o il rovesciamento di una vecchio sistema, la sovversione parziale o totale delle regole prestabilite e non si costituisce sempre come un'azione immediata.

Proveremo a giocare un po' con questo concetto.

Si richiede ai partecipanti:

- portare un breve racconto autobiografico, una foto, una canzone, un articolo di giornale legati in qualche modo (anche molto personale) al concetto di rivoluzione

- abbigliamento comodo per lavorare, un vestito e scarpe eleganti per un cambio rivoluzionario

per info e iscrizioni: 

Teatro della Contraddizione - 025462155 - prenotazioni@teatrodellacontraddizione.it