20.12.2018    21.12.2018    22.12.2018    23.12.2018   

Doppio Spettacolo: Amalgama + GarbugginoVentriglia

Orario: 20:30 - Ingresso: 20,00 €

amalgama+garbugginoventriglia

20 - 23 Dicembre

SERATE DOPPIO SPETTACOLO

ore 20,30

Collettivo l'Amalgama 

Saduros - da Daniil Charms

Tratto dalle opere di Daniil Charms
Da un’idea di Caterina Bernardi e Gilberto Innocenti
Con Caterina Bernardi e Gilberto Innocenti
Dramaturg Jacopo Bottani 
Progetto vincitore del Festival ExPolis18 del Teatro della Contraddizione 
Progetto vincitore del Premio Giovani Realtà del Teatro – Premio della Giuria Artistica e Premio del Pubblico 2018

Saduros non è solo un anagramma... è il non senso, sono i mondi assurdi, illogici, impossibili, indefinibili dei "Casi" di Charms... Cosa rimane dell’ “ordine” consueto? Poco o nulla. Non c’è storia (o forse ce ne sono molte) ci sono 2 personaggi (ma in realtà ce ne sono molti).... c'è la voglia di giocare, l'umorismo pungente e la poesia, la comicità e la tragedia... Poco o nulla? E alla fine una domanda: “Ma c’è un senso a questo mondo?” e, inspiegabilmente, c’è.

Note di regia
Prima nota di regia: in questo spettacolo la “regia” non è esistita, se non come forma di dialogo paziente fra chi sta dentro, chi si mette fuori a guardare e chi non c’è. “Idee” ce ne sono poche. 
Seconda nota: Fare uno spettacolo su Charms è impossibile. La sua scrittura è sempre ulteriore, perché si dà, così, e non accetta commenti. Inizia e finisce, punto. Un po’ come la vita, che inizia, ad un certo punto ahinoi finisce e non si lascia spiegare. Semplicemente accade. Cosa vuoi aggiungere? Come lo metti in piedi uno spettacolo su una vita – ops, lapsus – su una scrittura così? Fare uno spettacolo su Charms dunque è impossibile e dunque è doveroso. E appassionante.
Ultima nota: abbiamo scavato in Charms portando in superficie di tutto: nonsense, film gialli, ortaggi, sfere, altro nonsense, polvere moscovita, pezzi di morti, servizi da tè. C’era parecchia confusione per la stanza. Però, sul fondo, sorpresa! Abbiamo trovato, come nel famoso vaso di Pandora, anche lei; era tutta rannicchiata, ma c’era. Era la speranza. 

ore 22,15

Compagnia Garbuggino/Ventriglia - Armunia  

‘O pesce palla. La vita dalla terra

di e con Silvia Garbuggino e Gaetano Ventriglia
musiche composte ed eseguite da Gabrio Baldacci

PRIMA NAZIONALE

Continuiamo ad affrontare l’archetipo del don Chisciotte, cambiando prospettiva.
La vita dalla terra.

Attilio Scarpellini ha definito In terra in cielo “un’altra terra vista dalla luna”.
Ora dalla terra guardiamo la luna.

Portiamo in scena esseri umani donchisciotteschi, un’umanità marginale; creature capaci di incontrarsi al centro del cosmo per antica saggezza o ricerca d’amore.

Le api si devono muovere rapidissime per restare immobili. (David Foster Wallace )

Sul processo del continuare ad esistere. Continuare ad esistere. Continuare ad esistere.

(…)  La cantina chiusa, dal battuto di terra, dov'è entrato una volta ch'era scalzo il bambino, e ci ripensa sempre. ( Cesare Pavese)

“ In quella difformità alla narrazione imperante del mondo, in quell’alterità radicale rispetto al teatro per bene dei salotti teatrali, si incarna in forma mitica e allo stesso tempo potentemente contemporanea l’aurea del Cavaliere dalla triste figura. Quella di Garbuggino/Ventriglia è una dichiarazione di guerra al teatro mortale di brookiana memoria, fatta con un idealismo scalcagnato che proprio nel suo infrangersi contro le regole della realtà teatrale trova il suo più alto momento di celebrazione poetica. Non li troverete, questi due attori, nella schiera dei teatranti buoni per tutte le stagioni e per tutte le commissioni, perché come Alonso Quijano sanno che il sogno è più forte della presunta realtà e preferiscono, teatralmente, seguire il primo. Sanno cioè che, alla fine della fiera, essere contro Don Chisciotte e il suo velleitarismo non significa essere prammatici, ma significa stare dalla parte dei mulini a vento. Gaetano Ventriglia e Silvia Garbuggino sono l’incarnazione impossibile del teatro che non ha carne, il teatro fantasma che appare come un sogno e lascia interdetti come di fronte a una visione, il teatro che trattiene – appunto – e che dell’intrattenimento non sa proprio cosa farsene. ” Graziano Graziani

 Con il sostegno di Pilar Ternera – Nuovo Teatro delle Commedie

Ingresso singolo spettacolo: Intero €15 Ridotto €12

Ingresso intera serata: Intero €20 Ridotto €17

Prenotazione consigliata

infoline: 025462155 - prenotazioni@teatrodellacontraddizione.it